Marion Fink, artista eclettica

Marion Fink

Marion Fink, artista eclettica

Le opere su carta di grandi dimensioni sono create da Marion Fink attraverso processi di stampa monotipo. Utilizzando pittura a olio e pastello a olio, l’artista dipinge prima su grandi lastre di vetro, che poi trasferisce sulla carta premendo con tutto il corpo.

Marion Fink
Marion Fink Truth-Bearer_2021 _ 210 – 153 cm, Monotype, Oil on Paper

MARION FINK nata nel 1987, Lindenberg im Allgaeu, (Germania) vive e lavora a Berlino e Potsdam, in Germania.
Si è laureata presso l’Università di Belle Arti di Amburgo nel 2016.
Le mostre personali
“Many-Worlds”, Setareh Gallery, Düsseldorf, Germania (2020); “Another Level of Assumption”, Studio d’Arte Cannaviello, Milano (2020); ‘Io sono una conversazione, che ha deciso, esiste.’, Aperto Raum, Berlino (2019); “New Work”, Kunstraum Potsdam c / o Waschhaus, Potsdam, Germania (2017); “Soliloquy”, NAU Gallery, Stoccolma, Svezia (2014) e “Sweet Inner Bastard”, NAU Gallery, Stoccolma, Svezia (2012). Le mostre collettive recenti includono: ‘Analogous Dimensions., C24 Gallery, New York, (2019); “NUDE – Female Bodies by Female Artists”, Villa Schöningen, Potsdam, Germania (2019); “Think in Pictures”, Amelchenko, New York, USA (2019); “Offen Vol.2”, Galerie EIGEN + ART, Berlino, Germania (2018); “Tangerine Dreams”, a cura di Johann König, Funkhaus, Berlino, Germania (2018). Marion ha esposto a “Ping Pong Basel” durante Art Basel in Svizzera, “On Paper” alla Evelyn Drewes Gallery di Amburgo, Germania, una mostra collettiva alla Rundgænger Gallery di Francoforte, Germania. La sua mostra più recente con BEERS London è stata inaugurata nel novembre 2019 insieme allo scultore Sebastian Neeb, intitolata “A Curious Imprint of Reality”.


Riferimenti

Sito web di Marion Fink

Galleria Beers London


Leggi anche…

Nel segno di Modigliani: la prima mostra interattiva
Adébayo Bolaji: arte, mutamento e connessione
Marion Fink, artista eclettica
Salvador Dalì e le copertine di Vogue: un nuovo modo di guardare l’artista