Gerard Sekoto, il pioniere dell’arte nera sudafricana

Gerard Sekoto

Gerard Sekoto, pittore e musicista, è ampiamente riconosciuto come il pioniere dell’arte nera sudafricana appartenente al movimento del realismo sociale.

L’artista è nato a Botshabelo, una stazione missionaria luterana tedesca vicino a Middelburg nel Transvaal, da Andreas Sekoto – un sacerdote e insegnante di scuola, e sua moglie, Anne Sekoto (nata Serote), nel 1913.
L’anno è stato caratterizzato dall’introduzione di il ‘Natives Land Act’ – la prima delle leggi sulla segregazione ad essere approvata dal Parlamento del Sud Africa. La serie di misure adottate dal governo per sfruttare, alienare e degradare i sudafricani non bianchi che hanno seguito il Land Act ha portato Gerard Sekoto e molti altri artisti, musicisti accademici e attivisti, all’esilio autoimposto.
Sekoto partì nel 1947 per Parigi dove rimase fino alla sua morte nel 1993.

Sekoto inizia la sua formazione da insegnante presso il Botshabelo Training Institute nel 1928.
Nel 1930 Sekoto si trasferisce a Grace Dieu, una scuola di formazione anglicana per insegnanti di scuola nera vicino a Pietersburg (ora Polokwane) dove i suoi sforzi artistici consistevano nei ritratti dei suoi compagni studenti. Dopo la laurea, Sekoto ha acquisito il suo primo incarico di insegnante nel dipartimento primario della scuola secondaria di Khaiso.
A Khaiso, ha iniziato a usare gli acquerelli e ha incontrato l’artista, Ernest Mancoba e anche Nimrod Ndebele, Louis Makenna che sono diventati i suoi migliori amici e mentori.

La vincita, nel 1938, del secondo premio al May Esther Bedford Art Competition, organizzato dal Fort Hare University College spinge Sekoto a lasciare l’insegnamento e a trasferirsi a Sophiatown per intraprendere la carriera di artista a tempo pieno. In questo periodo vive con il cugino, osserva la vita quotidiana e dipinge. Viene presentato a Frère Roger Castle che lo aiuta a sviluppare la sua tecnica come artista. Frequenta lezioni di pittura e si introduce man mano nell’ambiente artistico dove impara le diverse tecniche pittoriche.
La reputazione di Sekoto iniziò a crescere a Johannesburg in seguito a una mostra collettiva alla Gainsborough Gallery nel 1939, dove il suo lavoro fu incluso insieme a quello di alcuni studenti di Frère Roger. Lo stesso anno ha segnato la prima inclusione dell’artista in una delle mostre annuali della South African Art Academy.
Ha partecipato a queste mostre ogni anno fino alla sua partenza per Parigi.
Nel 1940, la Johannesburg Art Gallery acquista il dipinto di Sekoto, Yellow Houses – il primo dipinto di un artista nero ad essere acquisito dalla galleria municipale.
Ironia della sorte, Sekoto aveva fatto domanda per una posizione come addetto alle pulizie di pavimenti presso la galleria quando era arrivato a Johannesburg ed era stato rifiutato a causa del suo essere non bianco.
Nel 1942, Sekoto si traferisce alla periferia del Six District a Cape, dove incontra i membri del “New Group” – artisti sudafricani contemporanei che hanno lavorato ed esposto insieme, tra cui Judith Gluckman e Alexis Preller, nonché Lippy Lipschitz, Gregoire Boonzaier, Louis Maurice, Solly Disner e Walter Battiss.
Durante questo periodo, il suo lavoro è stato esposto in una serie di gallerie di Cape Town, vale a dire la Argus Gallery, con il New Group, e alla Jerome Gallery, dove lui e Louis Maurice hanno tenuto una mostra congiunta nel 1944.