Spazio pubblicità...

Yung Cheng Lin, Art Director e Fotografo

Spazio pubblicità...

Yung Cheng Lin, Art Director e Fotografo

Digito il nome di Yung Cheng Lin su Flickr dove so già che troverò una catena di immagini.
Ne ho già vista qualcuna in rete e qualcosa mi dice che devo caricare proprio quella pagina.
Boom, boom e ancora boom.
Donne oggetto-soggetto-materia e come la materia inerti. Bianche, lacerate, vuote.
Ma aspetta un attimo: no, non è così.

Yung Cheng Lin, il vuoto pieno…

Non c’è proprio nulla che si possa definire “vuoto” nella fotografia di Yung Cheng Lin.
Al contrario si rivela una fotografia potente e piena di significato, una fotografia che per sua natura non può parlare, non ha un narratore, non ha suoni.
Eppure
riesce a raccontare la multiforme condizione della donna oggi, stilizzata, materica appunto, senza sesso.
Una fotografia laica e non prudente che racconta tutta la quotidianità del vissuto: sessualità, dolore, frustrazione, nascita dove ricorre l’elemento geometrico quasi a voler riportare ancora e ancora l’energia dello spettatore dritto al punto.

[…]Yung Cheng Lin si considera una vera femminista. L’artista pensa che la definizione contemporanea dei media di femminilità sia troppo ristretta, giudicante e seriamente priva di libertà.
Con la sua fotografia snervante, desidera discutere delle questioni delle donne e portare un extra artistico asiatico e fresco alla narrazione collettiva.
Un esempio può essere la messa in scena di torture auto-inflitte e di restrizioni che molte donne usano per adattarsi alle norme di bellezza e di genere.
Le sue raffigurazioni di reggiseni, periodi mestruali, nonché identità transgender e ferite sono visceralmente inquietanti e autentiche.
Denunciando l’oggettivazione sessuale, il controllo del corpo e della mente, l’artista ci colpisce proprio nei sentimenti.

Fonte: morewithlessdesign.com/


Yung Cheng Lin
Ph. Credit Yung Cheng Lin – Art Director e fotografo

Yung Cheng Lin art
Ph. Credit Yung Cheng Lin – Art Director e fotografo
NomeYung Cheng Lin
Alias3cm
ProfessioneFotografo e art director
ProvenienzaTainan, Taiwan
Pagina Facebook@by3cm
Profilo Flickrhttps://www.flickr.com/people/3cm/

English Version

I type the name of Yung Cheng Lin on Flickr where I already know that I will find a chain of images.
I have already seen some of them on the net and something tells me that I have to upload my own that page.
Boom, boom and boom again.
Women object-subject-matter and how inert matter. White, torn, empty.
But wait a minute: no, it’s not like that.

There is absolutely nothing that could be defined as “empty” in Yung Cheng Lin’s photography.
On the contrary, it proves to be a powerful and meaningful photograph, a photograph that by its very nature cannot speak, does not have a narrator, does not have sounds.
Yet
it manages to tell the multifaceted condition of the woman today, stylized, material indeed, without sex.
A secular and not prudent photograph that tells the whole daily life: sexuality, pain, frustration, birth where the geometric element occurs almost as if wanting to report again and again the energy of the spectator straight to the point.

[…] Yung Cheng Lin considers herself a true feminist. The artist thinks that the contemporary media definition of femininity is too narrow, judgmental and seriously devoid of freedom.
With his nerve-racking photography, he wishes to discuss women’s issues and bring a fresh and Asian artistic extra to the collective narrative.
An example would be the staging of self-inflicted torture and restrictions that many women use to adapt to beauty and gender norms.
Her depictions of bras, menstrual periods, as well as transgender identities and injuries are viscerally < strong> disturbing and authentic .
By denouncing sexual objectification, control of body and mind, the artist strikes us precisely in his feelings.

Source: morewithlessdesign.com/

Fotografia, scopri anche…

Fotogiornalismo Venezuela immagine di Oscar B. Carrillo

Fotogiornalismo: il Venezuela dagli scatti di Oscar B. Carrillo

Un viaggio interiore, oltre che fisico, mai abbondato e concluso. Una porta sempre aperta sul mondo, un’etica del viaggio che costituisce il suo stile di fotografo e foto-giornalista.

Spazio pubblicità

Festival della Fotografia Etica a Lodi – Italia

Spazio pubblicità


Per condividere l’articolo…

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.